giovedì 22 marzo 2018

A misura d'uomo, ode all'umanità di Fabbrico (Roberto Camurri, NN Editore, 2018)







Sopra Fabbrico il cielo è plumbeo.
Nella piccola città emiliana nascono e si fanno uomini Davide e Valerio, amici di lunga data.
A entrare nelle loro vite è Anela, un'affascinante ragazza che presto si innamora di Davide, Valerio decide di punto in bianco di andarsene.
Da qui si evince che Anela è un perno della vicenda, che prenderà forma nel corso delle centosessanta pagine che compongono il romanzo d'esordio di Roberto Camurri; che cita, dopo la dedica alla figlia Valeria, una canzone dei Counting Crows e di Bruce Springsteen.

mercoledì 7 marzo 2018

5 motivi per leggere Kids with guns di Capitan Artiglio (Book blog tour, Bao Publishing)





Da qualche mese continua a rimbalzare sulle bacheche social il nome di Capitan Artiglio: esordiente assoluto nel panorama del fumetto italiano. Da sempre illustratore, tra le ultime opere viste gli artwork realizzati per dei lavori discografici del rapper Murubutu.
La prima fatica del fumettista torinese, Kids with guns, è un'epica western coloratissima e illustrata con una perizia fuori scala per un esordiente.
Per la sinossi si rimanda alla scheda tecnica.

Quello che si leggerà nelle righe seguenti è un elenco utile per affrontare a cuor leggero la lettura e togliersi dei dubbi legati ad essa.




venerdì 26 gennaio 2018

La ferrovia sotterranea di Colson Whitehead (Recensione, edizioni Sur 2017)




Buia e ardua è la strada
Lungo la quale viaggia il pellegrino;
Ma oltre questa valle di tristezza
Giacciono i campi dei giorni infiniti

Buia e ardua è la strada
Harriet Tubman


Tra il 1810 e il 1850 la Underground Railroad ebbe un forte incremento di fuggiaschi neri aiutati dagli abolizionisti; gli unici bianchi a portare avanti la causa anti-razzista nell'America del XIX secolo. Il treno segreto permetteva agli afroamericani la fuga dal sud per raggiungere tutti gli stati del nord che promettevano serenità e un avvenire per i propri figli, lontani dalle persecuzioni, dai campi di cotone e dal bieco razzismo dilagante.
Molti dei documenti legati al progetto ferroviario vennero sequestrati se non eliminati.

giovedì 11 gennaio 2018

Ju Caffè d'Or(z)o 2017 - Premi Narrativa



Dopo aver stilato la lista di fine anno per il fumetto, arriva puntale (?) quella dedicata alla narrativa, che mi ha visto leggere più libri in assoluto e di pregevolissima fattura.
Molti avranno già chiuso le pratiche tra liste-classifiche e consigli di ogni genere, ma mi permetto sempre di condividere titoli, questi tutti validissimi per intenti e cifra stilistica.
Nel 2018 non mancheranno novità quali Exit West (mi fregio di possedere la copia con dedica grazie ad una amica), La ferrovia sotterranea, Leggenda privata.
Per i titoli da catalogo aspettatevi diverse sorprese.

A voi la lista che segue.

sabato 30 dicembre 2017

Ju Caffè d'Or(z)o 2017 - Premi Fumetto




Nella scorsa edizione ci eravamo lasciati alle spalle un 2016 significativo per il fumetto; che ha visto alcuni nomi affermarsi nel panorama mondiale e numerosi talenti per quanto riguarda la scena nostrana. Su tutti la nascita-conferma di Martoz con il suo capolavoro Amore di lontano (ne ho discusso ampiamente QUI). Ora
 Gipi con La terra dei figli fa incetta di premi in Francia, da sempre apprezzato dalla critica e dai lettori d'oltralpe. Il 2017 non è stato da meno per via di alcuni capolavori che rimarranno insuperabili da qui in avanti e per le nuove leve che circoleranno; si spera possano confermarne talento e visione del medium stesso.
Da qui una selezione di nove titoli che meglio incarnano i valori - almeno per me - che assume l'anno fumettistico che sta per volgere al termine. Non manca il solito appunto sulla serie dell'anno, che questa volta ha davvero dell'incredibile per qualità e segno autoriale.

giovedì 30 novembre 2017

Il cacciatore Gracco - The Story Never Told (Martoz, Coconino Press 2017)



Remi Tot in STUNT era un action in salsa fisico-matematica. Amore di lontano un libero
omaggio a I fiori blu di Raymond Queneau (ne ho parlato abbondantemente nello speciale di Finzioni Magazine QUI).
Il cacciatore Gracco: una storia dall’impianto teatrale divisa in tre atti, ispirata al racconto
incompiuto di Kafka, ma che richiama un po’ tutta la letteratura del secolo scorso. Un atto
d’amore nei confronti dell’immaginazione.


mercoledì 8 novembre 2017

Un anno senza te - lo slice of life secondo Luca Vanzella e Giopota (Recensione Bao Publishing)



Tancredi e Antonio si sono incontrati non molto tempo fa. Dopo le prime uscite hanno imparato a conoscersi poco per volta. Da quel primo incontro è nato un amore.
Un legame che ha portato i due al settimo cielo, specie Antonio: fino a quando però la relazione non è stata interrotta bruscamente e improvvisamente.
Antonio, forte appassionato della cultura medioevale, sta per dare una tesi sui santi minori in Italia prima del martirologio di Gregorio XII.

Sulla carta potrebbe risultare come una banale e comune storia d'amore, se non fosse per il fatto che a darle una voce e un'anima ci ha pensato il messere Vanzella Luca (Beta, Aleagio e Long Wei, di questo se n'è parlato abbondantemente qui sul blog) affiancato dallo scudiero Giopota, armato di matita e colori.

Il graphic novel si è rivelato come una vera e propria sorpresa dell'ultima stagione fumettistica primaverile. Di questo però cercherò si cercherà di tirarne le somme dopo alcune annotazioni sulla trama che seguono. Si avvisa soltanto a chi non ha letto il titolo in oggetto di non proseguire, perché da qui in avanti saranno presenti degli spoiler.